mercoledì 13 marzo 2013

Yogurt alla vaniglia fatto in casa (con e senza yogurtiera)

Yogurt alla vaniglia fatto in casa - homemade vanilla yogurt
La mia mente è già proiettata alla primavera e al caldo, al mercato iniziano ad affacciarsi i prodotti che ne indicano l'arrivo e qui, in casa, iniziamo a cambiare qualche abitudine limentare. Con l'arrivo della bella stagione il consumo di yogurt s'impenna! Questo non soggiorna più nel nostro frigorifero per essere utilizzato quasi esclusivamente nella preparazione di dolci, ma inizia ad essere consumato a merenda e come condimento per le insalate (dressing allo yogurt).
Se quando io e Saponetta eravamo piccole ne venivano acquistati solo di due gusti (agrumi e fragola) negli ultimi anni ci siamo sbizzarriti con accoppiate più particolari.

Era il 2004 quando mamma comprò la yogurtiera e provò a farlo in casa; il risultato fu uno yogurt compatto e molto acido, non ci piacque e il povero elettrodomestico fu messo nel dimenticatoio senza sentenza d'appello. Mesi fa l'ho riesumato dalla cantina, lo guardavo e dicevo "prima o poi ti userò..." Il prima è passato, ma il poi è arrivato qualche giorno fa.

Per paura di ripetere l'esperienza dello yogurt dal sapore super acido ho deciso di sperimentare aromatizzandolo durante la preparazione con un po' di vaniglia e dolcificandolo con dello zucchero.
Il risultato è stato sorprendete e non solo per il sapore gradevolissimo, ma per la semplicità di esecuzione e per il costo... bassissimo!

Il mio yogurt è stato realizzato con una yogurtiera con vasetti monoporzione, ma o stesso risultato potrete ottenerlo anche con una a cestello e, perché no, senza yogurtiera (che in fondo non è altro che un'incubatrice che ha il compito di mantenere la temperatura stabile tra i 40° C ed i 45°C).

Vi lascio alla spiegazione della ricetta e delle diverse opzioni che permettono la fermentazione corretta per ottenere lo yogurt.


Yogurt alla vaniglia fatto in casa

Yogurt alla vaniglia fatto in casa - homemade vanilla yogurt


Ingredienti:
  • 1 litro di latte
  • 1 yogurt bianco intero non zuccherato (in alternativa potete usare anche i fermenti lattici vivi in bustina, ne basterà una)
  • 3 cm di bacca di vaniglia
  • 100 g zucchero semolato (potete diminuire la dose in base al vostro gusto)

Fermentazione con la yogurtiera: in una ciotola amalgamate bene al latte lo yogurt, lo zucchero ed i semi della bacca di vaniglia ricavati incidendo il baccello per la lunghezza ed estratti aiutandovi con la lama del coltello. Mescolate il composto sino a quando lo zucchero non sarà ben sciolto e versatelo nei vasetti o nel recipiente prescelto per la fermentazione. Riponete i vasetti nella yogurtiera e lasciate in azione per 10 ore.
Trascorso il tempo, ecco che avrete ottenuto il vostro yogurt cremoso.  Per averlo più denso basterà lasciarlo al caldo un paio d'ore in più.
Prima di consumarlo, lasciatelo riposare in frigo per circa un'ora.


Metodi senza yogurtiera

  • fermentazione a bagnomaria: immergete in acqua a 40° (se non avete il termometro adatto, capirete che la temperatura è ideale quando con un dito riuscirete a sentire che il liquido è caldo, ma non bollente) il recipiente (possibilmente in vetro). La temperatura deve restare costante, se dovesse raffreddarsi, accendere il fuoco del fornello sino a quando non sarà tornata a quella sopra indicata. Lasciate il recipiente immerso per 10 ore. Per averlo più denso basterà lasciarlo al caldo un paio d'ore in più. Prima di consumarlo, ponetelo a riposare in frigo per circa un'ora.

  • fermentazione in forno: se avete un forno che mantiene la temperatura tra i 40-45°C oppure uno di quelli che permettono che la lampadina resti accesa anche a termostato spento e che produce calore allora avete una supper yogurtiera senza saperlo! Anche in questo caso dovete lasciare al caldo il contenitore con il composto per almeno 10 ore.  Per averlo più denso basterà lasciarlo al caldo un paio d'ore in più. Prima di consumarlo, ponetelo a riposare in frigo per circa un'ora.

  • fermentazione con il calorifero: avete capito bene! Ripartite il composto in barattolini e posizionateli sul vostro calorifero. Lasciate trascorrere le 10 ore canoniche. Per averlo più denso basterà mantenetelo al caldo un paio d'ore in più. Prima di consumarlo, ponetelo a riposare in frigo per circa un'ora.


Note:

  • LATTE è consigliabile a temperatura ambiente e va bollito solo se fresco. Sceglietelo intero o parzialmente scremato in base al grado di leggerezza che volete dare al vostro yogurt (nel mio caso l'ho usato parzialmente scremato);
  • YOGURT l'optimum è che sia intero e bianco non zuccherato, fate attenzione che non sia scaduto, potete tranquillamente usarne un vasetto di quello fatto in casa;
  • FERMENTI LATTICI VIVI più sono freschi, più il processo sarà veloce (si va da un minimo di 3 ore - yogurt liquido - ad un massimo di 12 - yogurt compatto), li trovate comunemente in farmacia, al supermercato, in erboristeria o nei negozi specializzati;
  • ACIDITÀ una maggiore temperatura (45°C) vi consentirà di avere uno yogurt più acido;
  • VANIGLIA durante la fermentazione, i semi di vaniglia tenderanno a salire n superficie, nessun problema, daranno ugualmente il loro aroma;
  • SCADENZA lo yogurt fatto in casa ha una scadenza che oscilla tra gli 8 ed i 10 giorni, fate attenzione a mantenerlo sempre ben tappato e in frigorifero.


Buono yogurt fatto in casa a tutti ^_^
***Gialla***

29 commenti:

  1. Non ho proprio spazio anche per una yogurtiera, la preparazione a bagnomaria mi è proprio utile, grazie!!!!!

    RispondiElimina
  2. Troppo buono... la voglio anche io la yogurtieraaaa! :D Baciotto!

    RispondiElimina
  3. Adoro la mia yogurtiera anni '80! La mangio tutti i giorni facendo lo yogurt come lo prepari tu, ma lo mangio liscio con l'aggiunta di cereali: è una colazione super :)
    Ma mi piace anche l'aggiunta di vaniglia!
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Un yogurt buonissimo, devo provarlo. Baci.

    RispondiElimina
  5. quanto mi piace... adesso sono un pò in disintossicazione da tutto.... ma appena potrò rimetterò in moto la mia mitica yogurtiera!

    RispondiElimina
  6. Noi usiamo la fermentazione a bagnomaria! Alla vaniglia sai che non l'ho mai provato? Adesso non ho più scuse :-) Grazie per l'idea :-)

    RispondiElimina
  7. Senza yogurtiera???Questo sì che fa per me!!! :)

    RispondiElimina
  8. Lo yogurt mi piace non zuccherato, intero, bianco, ma soprattutto budinoso come il tuo. Però alla vaniglia non ci avevo pensato. Vorrà dire che tirerò fuori la yogurtiera e rifarò il tentativo, per poi aggiungerci un pizzico di confettura di rosa canina (ecco perchè non metto lo zucchero, perchè se mi gira male lo aromatizzo come voglio :D)

    RispondiElimina
  9. Ciao Ornella, ti seguo su facebook con il mio account personale, ora Io e mia madre abbiamo deciso di addentrarci nel mondo dei foodblog e avendo un'account google non potevano non iscriverci al tuo blog!
    In ogni caso questo yogurt è buonissimo, invitantissimi con quei semi di vaniglia!
    Baci Rosi e Soni

    RispondiElimina
  10. Ciao volevo sapere per fare lo yogurt alla frutta quando la devo aggiungere subito o dopo che lo yogurt è pronto ?ciao grazie Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi aggiungerla prima di metterlo in incubazione, cuoci la frutta in un padellino con un po' di zucchero ed il gioco è fatto!
      Ti segnalo il post di quello alla fragola:
      http://www.giallatraifornelli.com/2013/04/yogurt-alla-fragola-fatto-in-casa-il.html
      A presto!

      Elimina
  11. anche la mia yogurtiera giaceva in dispensa sola e abbandonata poi un giorno arrivo' internet a casa Chabb e da quattro anni lavora alla grande ^_^ !! Uso lo yogurt di riporto ( un po' come la pasta madre ) e lo cambio una volta al mese perchè poi perde di forza, voglio provare con i semi di vaniglia, sembra proprio delizioso !! Bacio Gialla ;)

    RispondiElimina
  12. ciao oggi vorrei provare a preparalo in questo modo, ma ho lo yogurt bianco ma è zuccherato, cosa comporta? viene buono lo stesso o cambia qualcosa??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene ugualmente, aggiungi solo 80 g di zucchero.

      Elimina
  13. Per ottenere uno yogurt più compatto e meno acido scaldo il latte fino a 80/85 gradi (non deve bollire) per 10 minuti e poi lo lascio rafferddare. Quando avrà raggiunto una temperatura di 40/45 gradi aggiungo un cucchiaio di yogurt e mescolo delicatamente. Avvio la yogurtiera e lo faccio maturare per 6 ore. Non di più per evitare che diventi acido.
    Sara

    RispondiElimina
  14. salve ho fatto anche io lo yogurt ma alla yogurtiera... ora però ho un dubbio, perchè i vasetti li ho messi a fermentare con il coperchio e non so se è un bene o un male.... help please!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di norma i vasetti non vanno coperti, il contenuto ha bisogno di "respirare"; nulla però è perso, basta solo controllare la consistenza, se non è quella desiderata vanno lasciati un altro po' dentro la yogurtiera e senza tappi =)

      Elimina
  15. ciao ornella.se volessi ottenere un composto ancora più cremoso,posso aggiungere un po di colla di pesce? se si quanta?

    RispondiElimina
  16. The article is very interesting to see, thank you for sharing this very interesting information
    Obat Lipoma Yang Alami Tanpa Operasi

    RispondiElimina

Grazie mille per la visita!!!

Lascia pure un commento, un'opinione, un saluto o qualsiasi altra cosa ti stia passando per la mente ^_^

Ti potrebbero anche interessare:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...