venerdì 21 novembre 2014

Zucca in agrodolce al microonde

Microwave sweet and sour pumpkin - Zucca in agrodolce al microonde


Agrodolce... così è la vita, up&down, momenti belli e momenti brutti che si susseguono.

Quelli che sanno parlare direbbero che senza momenti tristi e difficoltà non esisterebbero soddisfazioni e gioie, forse hanno ragione!

Io adoro l'agrodolce così come adoro la vita, non c'è tempo per piangersi addosso, non c'è tempo per essere eccessivamente tristi... ma c'è sempre tempo per regalare un sorriso e, perché no, per rubarne uno. Questo è sempre stato il mio modo di vivere. 

Ok, adesso non pensiate che io sia una super sdolcinata, anche io ho la mia pare di aceto in corpo...   ;p

Andando alla ricetta di oggi, si tratta di una preparazione estremamente semplice, nessun abbinamento azzardato, un classico direi, però proposto in chiave più rapida e un po' più salutare. A casa mia si è sempre preparato friggendo la zucca, che per carità, adorissimo!!! (Qui la ricetta classica della zucca in agrodolce), in questo caso la cottura più sostanziosa sarà compito del microonde, mentre toccherà alla padella occuparsi di caramellare un po'  la superficie; inoltre, questo tipo di preparazione permette più facilmente di servire la zucca in pezzi più grossi delle solite fettine.

Niente glutine anche in questa ricetta =) in fondo oggi è il 100% Gluten Free (Fri)Day =) #GFFD

Zucca in agrodolce al microonde


Ingredienti
  • 500 g di zucca
  • 1/2 bicchiere di aceto bianco
  • 1 cucchiaio e mezzo di zucchero

Pulite 500 g di zucca privandola della buccia e dei semi e tagliatela a pezzi (i miei erano piuttosto regoli e delle seguenti dimensioni: 2 cm x 1 cm x 4 cm).
Disponete i pezzi in una pirofila (badate bene che non ve ne siano sovrapposti). 

Mettete a cuocere la zucca nel forno a microonde per 6-7 minuti alla massima potenza (controllate con uno stuzzicadenti, appena questo non fa fatica ad infilzarsi nella polpa, allora sarà pronta... NON DEVE DIVENTARE UNA POLTIGLIA, ma rimanere soda)

Una volta cotta, riscaldate una padella facendola diventare ben calda e fate arrostire ogni lato dei pezzi di zucca (a piacere potete ungere la padella con un filo d'olio, non di più). Una volta arrostiti, riposizionate i pezzi di zucca nella pirofila.

Nella padella dove avete arrostito la zucca, aggiungete l'aceto e lo zucchero; portate a bollore e versate l’agrodolce appena ottenuto sui pezzi di zucca.


Note:
  • per un miglior sapore, lasciatele riposare almeno mezza giornata, il massimo sarebbe mangiarla il giorno dopo;
  • a piacere potete aggiungere subito dopo l'agrodolce, qualche fogliolina di menta e uno spicchio d'aglio tagliato a pezzetti;
  • le proporzioni tra aceto e zucchero possono essere variate in base al vostro gusto, in fondo ogni famiglia ha la sua ricetta personale, almeno qui in Sicilia =) 

Buon agrodolce a tutti ^_^
***Gialla***

mercoledì 12 novembre 2014

Bio Happy Hour da Bioesserì a Palermo

"A Palermo non c'è nulla di nuovo, niente da fare, i negozi chiudono...

Ah quante volte mi capita di sentire questa frase! 
Vi do io qualcosa da fare: domani, 13 novembre, in via La Farina 4 alle 18.00 nei locali di Bioesserì ci sarà un Bio Happy Hour (si ringraziano gli organizzatori per non averlo chiamato AperiBio) con Show Cooking di Ezio D'Alia e presentazione del libro "Gastromania" di Gianfranco Marrone annessi. 

Io vado a vedere di che si tratta; giornalisti e foodblogger del mondo, vi unite?
Se non potete seguitemi su Instagram e Twitter che vi tengo aggiornati ;)

Per confermare la vostra presenza scrivete a claudio.taschera@feedback.it 


Buoni eventi a tutti ^_^
***Gialla***

lunedì 10 novembre 2014

Guida Identità Golose 2015 e il mio contributo

 Sono fiera ed orgogliosa, ancora più degli scorsi anni, di annunciarvi la presentazione della Guida Identità Golose 2015. La guida è giunta alla sua ottava edizione e quest'anno anch'io sono tra gli autori. 

Quattro le schede dedicate ai ristoranti di Palermo. La scelta è stata dura, diversi sono quelli che ho amaramente dovuto lasciare fuori; signori... il capoluogo siciliano si sta dando davvero da fare negli ultimi anni! 
Le mie scelte sono state dettate dalla voglia di inserire luoghi e sapori che possano regalare ai commensali esperienze differenti l'una dall'altra. Gagini, Osteria dei Vespri, Ristorantino da Spanò e Il Bavaglino sono state le mie preferenze per quest'anno. Quattro tipologie di ristoranti differenti, quattro modi d'intendere la cucina unici, ma tutto con un comune denominatore: il rispetto per la materia prima e per la storia del territorio.

Approfitto di questo post per fare pubblicamente i complimenti a Giuseppe Costa de Il Bavaglino per la stella appena ricevuta, sono orgogliosa di averlo scelto prima ancora che questa arrivasse =) 

Lasciatemi ringraziare Paolo Marchi per l'opportunità, tutto lo staff di MAGENTAbureau ed il preziosissimo e adorato Gabriele Zanatta!

A tutti quelli che vorranno e potranno prendervi parte ricordo l'appuntamento per la presentazione questo pomeriggio alle ore 17.00 presso Eataly Smeraldo, piazza XXV aprile, 10.

Buona guida a tutti!!!
***Gialla***

Ti potrebbero anche interessare:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...