giovedì 30 agosto 2012

Topping ai frutti di bosco (alla faccia di 50 sfumature di grigio...)

Topping ai frutti di bosco - mixed berry topping

Dunque dunque... vorrei scrivere questo post riuscendovi a far immaginare la goduria che prova la sottoscritta davanti ai topping, qualsiasi gusto essi abbiano, ma, allo stesso tempo, vorrei cercare quanto più possibile di non sconfinare in immagini porno-erotiche e in doppi sensi. Uff... già so che dall'altra parte dello schermo c'è chi sta ridendo continuando a ripetere che io NON POSSO NON CASCARE IN DOPPI SENSI ç_ç

Quindi... oggi non scrivo (urca, anche questo è impossibile!).
Allora facciamo così, io scrivo e voi ridete :)

Scorga lentamente, scivola pian piano lungo quel che incontra. Traslucido e goloso ricopre montagne di gelato, frutta, granite, yogurt, torte fredde e calde. Ma l'apoteosi arriva quando, così come verrebbe da farsi con una bomboletta di panna spray, lo si lascia colare dall'alto dentro la propria bocca!
La sua consistenza gelatinosa avvolge e coccola le nostre pareti mucose regalandoci momenti di puro godimento.

Questa è grossomodo la descrizione della sensazione che provo davanti ogni topping che mi si prospetta dinanzi!

Insomma, verso questo genere di "guarnizioni" nutro un amore viscerale

Se guardo indietro nel mio poco più di un quarto di secolo di vita trovo i topping spessissimo; sono sul gelato al fiordilatte venduto dal carretto che passava davanti la casa al mare degli zii, sul dessert allo yogurt che avrei desiderato mangiare in Trentino, ma che a causa di un virus all'intestino mi tennero lontano, sulle cheesecake mangiate in America e sulla frutta mangiata ai chioschetti della Cala a Palermo...

Nel ricordare tutti questi casi e i tanti altri che non vi ho citato regna limpida nella mia mente una meravigliosa immagine, un rallenty per essere precisi, si tratta del preciso istante in cui il topping scorga giù dal suo erogatore!

Mi fermo qui o la mia "ode ai topping" rischierebbe di divenire un romanzo che potrebbe arrivare a far concorrenza a 50 sfumature di grigio...

Tutta questa premessa per lasciarvi la prima di una lunga serie di ricette sui topping. Oggi iniziamo con quello ai frutti di bosco. Perfetto sia su preparazioni fredde che su quelle calde (ottimo per esempio su una torta al cioccolato fumante o sciolto un pochino dentro un tè nero bollente).

giovedì 23 agosto 2012

Ragusa Ibla e la gelateria Gelati DiVini con modi sopraffini

Ragusa Ibla

Sono anni che mi reco sempre negli stessi posti ed ogni volta riesco a scorgere angoli diversi e a portare con me sensazioni sempre nuove.

C'è un luogo della Sicilia sud-orientale dove voglio sempre andare almeno una volta durante le mie vacanze. 
Si tratta di Ibla (Ragusa Ibla), colei "che giace sotto"; stento a pensarla come un quartiere di Ragusa, per me è, e credo lo sarà sempre, una cittadina in miniatura, un piccolo luogo magico con la sua storia, il suo tardo barocco, le sue chiese, il suo giardino, il suo tramonto ed il suo turismo composto. 

Ragusa Ibla


Trenino Ragusa IblaRagusa Ibla


Un turismo non sfrenato, fatto di gente di ogni dove, di botteghe e di ristoranti più o meno "commerciali". Non so se è perché lì mi rilasso e quindi mi rinchiudo in un mondo tutto rosa ed ovattato, ma a me i suoi turisti (come del resto siamo anche io, Nannao e le persone che ci accompagnano di anno in anno nella nostra gita) non infastidiscono; non sento schiamazzi, non vedo onde di gente che si affanna a comprare quello o quell'altro souvenir... insomma, vedo solo cose belle.   


Passeggiare per i suoi vicoli contorti, magari sfuggendo a quel po' di gente che si trova sul corso principale, entrare nel negozietto che conserva nel suo ingresso l'atmosfera delle botteghe di una volta, comprare i candidi, ma anche qualche buona selezione di tè aromatico, camminare verso il duomo ed incontrare un cestino dal quale poter prendere delle carrubbe da masticare passeggiando e poi... fermarsi lì, in quella gelateria che tanto la prima volta che vi eri capitata per caso ti aveva tanto incuriosita. 

Carrubba


Lei, Gelati DiVini, che affianca ai tradizionalissimi gusti come Fragola e Limone quelli più particolari come Rosè e Moscato sino a giungere ai più estrosi come Rapa Rossa, Finocchietto e Cipolla (Lacrime dolci).

Gelati DiVini Ragusa Ibla

Della qualità del loro gelato ne ero consapevole già dalla prima volta che lo gustai tanto da averli citati in un articolo uscito un mesetto fa su Scatti di Gusto, ma gli scorsi anni, quando passavo di lì, ero sempre di fretta, così ordinavo il mio gelato e andavo via. Quest'anno, però, è successo qualcosa di diverso.

Siamo in quattro, Nannao è il primo a dover ordinare e chiede un cono Mandorla e Moscato, dall'altra parte del bancone arriva una cortese, ma allo stesso tempo ferma ammonizione: "No, le sconsiglio questo abbinamento!"; Nannao resta interdetto, io casco giù dai miei pensieri, ci guardiamo ed il signore che ci stava servendo (chiedo scusa se non dico il suo nome, ma ho letteralmente scordato di chiederlo) ci sorride e con lo stesso garbo spiega porgendo nel frattempo un assaggio di  Moscato al "povero" ammonito. "Il gusto del Moscato non si sposa bene con la Mandorla (...) piuttosto le consiglio di abbinarvi il cioccolato".
Arriva il mio turno, "vorrei una coppetta Cioccolato al Peperoncino e Lacrime dolci" - dico - "L'abbinamento non è tanto sbagliato, ma il massimo è con il gusto Ricotta" - dice il signore tanto garbato, io accetto il suggerimento (mi ha già conquistata) e continua - "conosce già il gusto Lacrima dolce, vero? È sicura di volerlo prendere, sa proprio di cipolla... ci sono persone che poi si sono lamentate perché non se lo aspettavano così veritiero, per sì e per no lo assaggi nuovamente" così me ne porse un po' in un cucchiaino.


Gelati DiVini Ragusa Ibla

La storia continua con noi quattro che continuiamo ad assaggiare gusti qui e gusti là, arrivando a chiacchierare e solo dopo tutto ciò svelando che io ero stata l'autrice dell'articolo di cui sopra.

Andammo via felici e stupiti, perché purtroppo queste realtà sono sempre più rare (e mi confermerete che non è sterile retorica).

L'onestà di chi ti vende un prodotto e la professionalità e la passione nel portare avanti il proprio mestiere rendono ancora più prezioso un bene che già di per sé racchiude tanto prestigio.
Personalmente ho arricchito il ricordo che porto con me di quel gelato che, se già nella mia mente era ottimo, adesso, grazie alla sua gente, è ancora più buono!


Buona Ragusa Ibla e buon gelato "DiVino" a tutti!
***Gialla***



Gelati DiVini




  • Ragusa Ibla 

  • Pagina Facebook: https://www.facebook.com/pages/Gelati-DiVini/102987387883

    martedì 21 agosto 2012

    Tè freddo ai frutti rossi e pompelmo rosa

    Tè freddo ai frutti rossi e pompelmo rosa

    Tutti tornati dalle ferie? Mi sa che ancora mancano un po' di persone all'appello... i miei indici di riferimento? Le auto in città e il deserto "social"; Facebook è semideserto e due sono gli aggiornamenti di stato più frequenti in questi giorni: «che caldo!» seguito spesso da imprecazioni di vario genere e «buongiorno!» seguito, invece, da foto di corpi spiaggiati e piedi su sfondo di piscine. Forse gli unici social a non "andare in ferie" sono quelli di fotografia come Instagram, a proposito... ne fate già parte? Io da pochissimo, se volete mi trovate lì sotto il nickname @giallafornelli (lo stesso che ho su Twitter).

    La nostra mini vacanza di 5 giorni (anzi è stata allungata di un giorno all'ultimo minuto) è stata super ricca; ogni momento della giornata aera ricco di cose da fare. Di mattina al mare e di pomeriggio in giro paesini paesini. Il bello del Sud-Est siciliano è che nel raggio di circa 20 km (a volte anche meno) trovi sempre posti nuovi, ricchi di storia, di angoli suggestivi e di ottimo cibo.


    Piano piano vi racconterò delle nostre avventure fatte di sole, manine paffute, ma anche di materie prime, sveglia all'alba per andare a veder nascere la ricotta, di impasti, di cioccolato "innovativo", di cene, di gelati e di professionalità e cortesia.

    Oggi vi mostro solo un piccolissimo assaggio fotografico, voglio metabolizzare ben bene queste esperienze prima di farvele vivere attraverso le mie parole.

    Nell'attesa potrete preparare un ottimo tè freddo ai frutti rossi e pompelmo rosa, né troppo dolce, né troppo aspro, un mix assolutamente piacevole e rinfrescante da sorseggiare alla faccia dell'ennesima settimana di caldo torrido che dicono essere dietro l'angolo (a me sembra tanto che Caronte, Scipione, Minosse e Lucifero siano la stessa persona che di cognome fa: Caldo Atroce!!!).

    sabato 11 agosto 2012

    Crostata fragola e zenzero: buone vacanze e buon Ferragosto a tutti

    Crostata fragola e zenzero

    Quest'anno è stato decisamente strano! 

    Il primo anno senza scadenze vere e proprie, senza una qualche scuola o università a dirmi quando è il momento delle vacanze... 

    Sino ad una settimana fa per me non era arrivata la vera estate, quella fatta di solo mare, pennichelle pomeridiane e uscite con gli amici.
    Sabato scorso, però, i muratori sono andati via, mamma e papà hanno fatto i bagagli e Nannao si è trasferito qui =D

    Nulla da togliere a mamma e papà, e alla sorella che le sue vacanze le stava già facendo da una settimana in Piemonte, ma quella sì che era vacanza, anche se siamo stati chiusi in casa per il caldo torrido, anche se non abbiamo visto il mare perché con la mano ancora dolorante non me la seno di arramicarmi scogli scogli, anche se io stavo al pc a lavorare e Nannao sui libri... la differenza la facevano i tempi... erano i nostri!!!

    Chiusa la parentesi "coppietta felice che gioca a simulare la convivenza" domani si va in vacanza sul serio; andremo a trovare mamma, papà, cuginette e parenti vari (quelli che conosci quasi solo in costume e che se dovessi incontrarli durante l'anno in giacca e cravatta, possibilmente, stenteresti a riconoscere XD ).

    Staremo via solo tre notti; pochi giorni, ma di certo intensi! Mare, scoperte gastronomiche e tante risate ci aspettano!!!

    Piuttosto, martedì pomeriggio andremo a visitare la cioccolateria Sabadì di Modica, chi fosse interessato può contattarmi al cellulare 3288659157 (sperando che prende, in caso insistete, quella zona è un disastro per la Wind :/).

    Prima di raggiungere la finissima sabbia della costa del ragusano vi lascio la ricettina dell'ultima crostata che racchiude al suo interno un abbinamento che mi ha letteralmente stregata! Confettura di fragole e zenzero sono un'accoppiata decisamente vincente!!! Le note piccanti di quest'ultimo stemperano perfettamente il dolciastro della confettura donando freschezza alla bocca, provare per credere! :)

    giovedì 9 agosto 2012

    COMUNICAZIONI: nuove modalità di ricerca nel blog!


    Buon pranzo a tutti ^_^

    Oggi una breve comunicazione di servizio.

    Sto cercando di rendere sempre più efficiente ed efficace il blog. Da un po' ho ridotto le dimensioni delle immagini caricate e ho sfoltito il numero di widget e banner presenti così da rendere la lettura dei post e la navigazione più veloce e semplice.

    La novità che vi mostro oggi riguarda i metodi di ricerca all'interno di Gialla tra i fornelli.
    Alle caselle dove poter inserire le vostre keyword (parole chiave) di ricerca (in alto e a destra)


    a:


    b:

    si aggiungono, nella colonna laterale, dei pulsanti che permetteranno di accedere alle sezioni speciali del blog con un semplice click:

    primavera estate
    autunno inverno

    Pasqua
    Natale
    Capodanno
    Laurea
    Compleanno
    Eventi

    Buona ricerca e buona lettura a tutti ^_^
    p.s. se avete suggerimenti che possano aiutare la vostra navigazione all'interno del blog SCRIVETE!!!
    ***Gialla***

    lunedì 6 agosto 2012

    Pesto di zucchine ed il meraviglioso "rumore" del silenzio

    Pesto di zucchine

    6 mesi... questo il tempo impiegato dagli operai per sistemare mezza casa compreso un bagno e la cucina. 6 mesi che non passavano più, giornate in cui si contavano sino a 10 operai nel giro di due stanze, circa 1000 cialde di caffè utilizzate (1 a tazzina!!!), non so quanti litri d'acqua consumati, quanta polvere ingerita e chi più ne ha più ne metta... il tutto con noi dentro casa notte e giorno.

    Ristrutturazione
    Da sabato più nessun estraneo (anche se dopo tutto questo tempo anche i muratori rischiano di diventare parte della famiglia) tra i piedi... finalmente niente turni per presidiare i lavori/assistere i muratori, posso razzolare in pigiama per tutta casa, fare la doccia quando voglio e girare a piedi scalzi senza riempirli di polvere e senza rischiare di infilzarli con pietrine, cavi, viti e quant'altro; sono finite anche le sveglie alle 8 del mattino a suon di cazzuolate, trapanate e scartavetrata o urla (beh, le ristrutturazioni portano anche all'esaurimento nervoso! Che, non lo sapevate?)

    Banana Yoshimoto - Kitchen
    Kitchen sul nuovo divano
    Finalmente il silenzio... 
    tanto, bellissimo e rumorosissimo silenzio; finalmente dei divani su cui poter stare comodamente seduta a leggere un libro, finalmente un po' di serenità =) almeno sino a quando non scopriremo l'ennesimo errore di stuccaggio, pittura, rifinitura, ecc.

    Dato che oggi mi sono concessa una gran bella dormita e mi sento decisamente bene, dato che il dolore alla mano (qui per i dettagli dell'incidente) è tamponato dalla mia serenità interiore voglio regalarvi una ricettina veloce, profumata, semplicissima da fare e fresca come me in questo momento! :p  Si tratta di un pesto di zucchine che con il giusto gioco di equilibrio tra i vari ingredienti riesce ad essere gustoso e non aggressivo; perfetto sia per condire paste e risotti che per accompagnare un succulento arrosto estivo.

    venerdì 3 agosto 2012

    Crostata di fichi con confettura di albicocche, cannella e frolla all'olio

    Crostata di fichi con confettura di albicocche, cannella e frolla all'olio

    Quando Nannao iniziò a chiamarmi "Paperella" era solo per un modo buffo di camminare che aveva di tanto in tanto... negli anni questo soprannome è andato riempiendosi sempre più di significato raggiungendo in quest'ultimo periodo l'apice. Sì, perché combino catastrofi piccole e grandi, di continuo ultimamente!!! 

    Capo Gallo

    Riserva Naturale Orientata Capo Gallo

    il luogo della paperata, ne valeva la pena o no?
    L'ultima paperata è stata poco più di una settimana fa: stavamo tornando dal mare, precisamente stavamo apprestandoci a scalare gli scogli per raggiungere la strada in vista del pranzo (pregustavo già un bel panino sul lungomare di Mondello) quando la sottoscritta (che di norma è una piccola Spiderman... GIURO!) viene sbilanciata dalla sua enorme borsa da mare!!! 
    Per evitare di finire faccia a terra mi paro con la mano destra... e... patatrack!!! Il pollice si gira e poco dopo finisco per svenire dal dolore (ora so cosa significa "vedere le stelle"). 

    Non vi dico le scenette che si sono consumate quel pomeriggio... cati d'acqua che mi arrivavano in faccia; la dottoressa del 118 che urla continuamente dall'alto del burrone "io lì sotto non ci scendo!!!" quasi come fosse in panico; il paramedico che per farmi riprendere conoscenza mi molla un pizzicotto sul cucullare e e due sberlette in faccia oltre a spalancarmi le palpebre XD; io che faccio disdire l'ambulanza per poi svenire una seconda volta ed essere costretta dall'auto del primo soccorso a richiamarla; i soliti casini del pronto soccorso con le interminabili attese, i pazienti da codice bianco che si lamentano facendo casino e quelli che invece ne hanno tutto il diritto che aspettano buoni buoni il loro turno, il medico che ti guarda seccato perché hai solo una lussazione... -.-"

    Insomma, la paperella è letteralmente degna delle migliori scene fantozziane!!!

    Patatine fritte
    Nannao prepara le patatine da friggere!
    Detto ciò, la mano destra inizia ad essere sul punto di guarire, il fastidio è ancora forte e non riesco ad usarla per un po' di cosine, tra cui tagliare (tranne che non si tratti di cose assolutamente morbidissime!), avvitare, svitare, ovviamente sollevare carichi, ecc... Per fortuna tra genitori e dolce metà sono tanto aiutata (pensate che Nannao è diventato velocissimo a sbucciare le patate - quando, un tempo, ogni 4 mie lui era fermo alla prima XD)

    Raccolta fichi
    Il mio fico raccoglie i fichi!
    La crisi d'astinenza da fornelli, però, è talmente forte e la quantità di fichi in casa è talmente grande ( lo stesso giorno che con Nannano siamo andati a raccoglierli dall'albero della nonna, ce ne hanno regalato una cassetta intera o.O!) che... mi sono rimessa in attività usando solo una mano e mezza :) 
    Ed ecco sfornata una golosissima crostata di fichi con confettura di albicocche, cannella e frolla all'olio.

    Golosi book-acquisti
    I libri che vedete in foto (sinistra e sotto) sono i miei ultimi golosi book-acquisti, per questi devo ringraziare le fantastiche foodblogger che per la mia laurea mi hanno regalato un superbuono da spendere a La Feltrinelli... appena li leggerò vi rendiconterò in merito ;p


    Ed ora, vi lascio alla ricetta.

    Ti potrebbero anche interessare:

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...