mercoledì 28 maggio 2008

Cheesecake alle ciliegie

Era da tempo che mi ero stufata di utilizzare le buste Cameo per preparare uno dei dolci più freschi e golosi tra quelli preferiti da me e da Saponetta (sorellina), il cheesecake al limone!!! E così mi sono armata di mouse e tastiera e ho iniziato la mia ricerchina... alla fine ho trovato mille miliari miliardosi di modi per prepararla, ma nessuno mi intrigava in particolar modo, in ognuna mi mancava un ingrediente e così... ne ho fuse alcune sperimentando dosi e ingredienti...
Ero partita per preparare quella semplice al limone, ma ecco che papà si ritira a casa con delle ciliegie spettacolari... che avreste fatto al posto mio (oltre ad azzanarne qualcuna in purezza?) ed ecco così il piccolo cambio di programma... Cheesecake alle ciliegie!!! ^_^

--------@@@@@@@@@@@@@@@@@@-------

Cheesecake alle ciliegie
Ingredienti
  • 250 gr ricotta
  • 330 gr biscotti secchi (150 gr Ritornelli - 50 gr amaretti - 130 gr Oro Saiwa)
  • 120g di burro
  • 200 ml di panna da montare (fresca o a lunga conservazione)
  • 15 gr gelatina in fogli
  • 100 gr zucchero (80 gr nella crema - 20 gr per lo sciroppo)
  • 200 gr ciliegie
  • qualche foglia di menta

Iniziamo con la base:

1° strato: Fate sciogliere 90 gr di burro (va benissimo il microonde) nel frattempo frullate i Ritornelli con gli amaretti e versate a filo il burro sciolto (il composto dovrebbe risultare come sabbia bagnata, se così non dovesse essere aggiungete un altro pò di burro, dipende anche dai biscotti usati). Trasferite il composto in una teglia a cerniera e pressatelo per bene sul fondo, dopodiché mettete in frigo.

2° strato: seguite lo stesso procedimento del primo, utilizzando circa 30 gr di burro, vale la stessa eccezione se il risultato non è quello sperato. L'impasto più chiaro andrà poi schiacciato sul precedente. Rimettete in frigo la teglia.

Crema: versate 50 ml di panna in un pentolino, far scaldare a fuoco lento, ed unire la gelatina strizzata che avrete messo precedentemente in ammollo in acqua fredda, mescolate finché non sarà completamente sciolta. In un altro contenitore mescolare la ricotta con 80 gr di zucchero fino ad ottenere un composto cremoso, a questo amalgamate la panna con la gelatina e con la rimante panna precedentemente montata, mescolando dal basso verso l'alto per non smontarla. Aggiungete parte delle ciliegie a pezzetti , circa 120 gr (ho fatto ad occhio e a gusto, scusate!) e qualche goccia di limone. Versate il tutto sulla base e mettete il cheesecake in frigo.

Sciroppo/marmellato: nel pentolino dove avete fatto sciogliere la gelatina con la panna (persumibilmente ci sarà un residuo di gelatina) mettete 2-3 cucchiai d'acqua (in base a quanto sono succose le ciliegie) aggiungete 20 gr di zucchero, la polpa delle restanti ciliegie, qualche goccia di limone e due foglioline di menta sminuzzate. Lasciate cuocere sino a quando la polpa delle ciliegie sia abbastanza sfatta e la parte liquida sia ben colorata e sciropposa (non preoccupatevi che addensi, lo farà poi in frigorifero grazie allo zucchero e a quel minimo di gelatina). Una volta pronto versatelo con l'aiuto di un cucchiaio sopra la crema... se volete l'effetto variegato in superficie non aspettati che raffreddi lo sciroppo... in automatico il contatto caldo freddo farà sciogliere la parte superiore della crema. Rimettete in frigo per almeno 2h.

Scusatemi se non ho usato i termini tecnici.. ancora in questo senso non sono formata .=_=.

In ogni caso auguro buon fresco-dolcetto a tutti!!!
*** Gialla ***

Aggiornamento del 2 giugno 2009

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Rosso di sera

sabato 24 maggio 2008

Ritorno dalla Tedeschia e ricettina rapidissssssima!

Ciaoooooooooooooooooooooo, ma che commenti stupendi che mi andate lasciando... scusatemi tanto se ho tardato a darvi il resoconto del viaggio, ma le cose da sistemare, una volta tornata, sono tante, a partire dal fatto che ho ancora 550 pp di libro da finire entro il 3 luglio per la prima materia della specialistica!!!
Il viaggio, come nella nostra tradizione, è stato a dir poco frenetico... in pieno stile “Famiglia Brambilla in vacanza”...
L’andata ci ha visti trasportare tre cassate siciliane che sono state messe di fianco al controllo bagagli con una notevole apprensione da parte della mia mamma, atterriamo ad Hannover e iniziamo la ricerca della macchina noleggiata... Wow... si tratta di una Opel Vivaro gigantesca e nera... 9 posti!!! Il mio papà sembra piccolissimo al accanto a questa! Una volta arrivati a destinazione... la tenuta di Masendorf (grazie validissimo aiuto della signorina del navigatore satellitare) ecco che veniamo assaliti e sbaciucchiati dai parenti tedeschi... totalmente ciucchi...l’indomani c’è stato il battesimo... peccato per il tempo brutto, pioggia e freddo, direi una tipica giornata di inverno palermitano. Tempo a parte è stata una giornata davvero bella, allegra con tanti bimbi e tante risate, oltre alla bellissima conversazione avuta a cena con la mamma di mia zia e il cognato... eravamo un’italiana, una tedesca e un francese che parlavano di religione cattolica e protestante in inglese... sembra un po’ una barzelletta ^_^! I giorni a seguire sono stati davvero frenetici... abbiamo visitato Amburgo, Bad bevensen e Luneburg... abbiamo attraversato tanti piccoli paesi e immense distese di campi coltivati... dal punto di vista culinario siamo rimasti, anche questa volta, molto soddisfatti, piccole cifre per gustare piatti completi e ben fatti...
Questo è un pasto fugace fatto per strada ad Amburgo di fianco alla chiesa di San Michele... le 4 porcelline siamo (da dx in basso) io, mamma, sorella e nonna...
Un ristorante su tutti che vi consiglio vivamente, anche per la cordialità del personale è il “Die Muhle Jork” Am Elbdeich 1 – 21635 Jork/Borstel Tel. +49 0 41 62 / 63 95. Si tratta di un caffè - ristorante adibito dentro un mulino che affaccia su una distesa di campi di ciliegie... un piccolo paradiso.








































Il rientro per me, sorella e nonni è stato un po’ traumatico, siamo stati dalle 14 alle 19 in aeroporto ad Hannover in quanto mamma e papà, che si sono fermati per altri 5 gg dovevano consegnare l’auto a Potsdam entro le 18, menomale che il bigliardino della TuiFly e le carte ci hanno tenuto un po’ di compagnia!!!
Comunque... tutto sommato il bilancio è positivo, ho anche passato tantissimo tempo con la mia sorellina che per ora a causa degli esami di maturità è tanto tesa,

anche se ora mi trovo con un po’ di arretrati, tra i vari post che vorrei scrivere e lo studio. Menomale che mamma e papà sono rientrati oggi e io posso abbandonare almeno per qualche ora i lavori domestici...
Non vi posso salutare, però, senza una ricettina veloce veloce... e soprattutto senza ringraziarvi nuovamente per i vostri commenti, GRAZIE MILLEEEEEEE non mi fate mai mancare delle belle parole! ^_^


Rose e cornetti di pane pizza con peperoni, cipolla, cotto e provola affumicata


Nulla di particolarmente difficile e dispendioso a livello economico e di tempo. Basta solo un rotolo di pasta di pizza o un po’ di pane pizza preso al panificio, si stende il tutto con un matterello e si fanno delle striscioline e dei triangoli isosceli piuttosto lunghetti rispetto la base per i cornetti... il gioco base è quello di eliminare i piccoli avanzi che andiamo lasciando nel frigorifero, io avevo un po’ di prosciutto cotto, di provola affumicate e dei peperoni grigliati, la parte manuale consiste nell’arrotolare la pasta attorno all’ingrediente scelto... per le roselline basta porre l’ingrediente lungo tutta la lunghezza della strisciolina e arrotolare il tutto su se stesso, mentre per i cornetti si mette il ripieno alla base del triangolo e da lì iniziare ad arrotolare... il resto è compito del forno messo a 230°, non appena li vedrete belli dorati vorrà dire che sono pronti... io li ho preparati una sera con la mia sorellina mentre eravamo un po’ a corto di tempo e li abbiamo usati come cena, ma credo che vadano benissimo come fingerfood per gli aperitivi o come antipastini rustici.



Buona mangiucchiata a tutti e ben ritrovatiiiiii!!!
*** Gialla ***

venerdì 16 maggio 2008

寿司 Sushi all'italiana due la vendetta: crêpes, philadelphia, ciliegino, menta e scorza di limone.

E dopo un pò di tempo mi ritrovo a fare i bagagli, non è il viaggio che speravo, ovvero quello tranquillo, senza fretta e soprattutto con Ale vicino, ma credo che sarà ugualmente piacevole... Vado in Germania, questa volta vicino ad Hannover... si tratta sempre di una ricorrenza di famiglia, la seconda bimba di mio zio sarà battezzata; Starò via solo 5 giorni, non molti, ma a quanto pare c'è in programma un tour de force notevole, ma anche stavolta ce la faremo... spero solo che il nonno non si attaccherà troppo con le sue paranoie, se ciò si avvererà allora sarà proprio una felice riunione di famiglia (o meglio, una mini riunione, mancano un pò di parenti).
A chi resta auguro un bellissimo week-end... Mi raccomando non postate troppe ricette che poi mi trovo indietro con i compiti!
Chiedo scusa se nell’ultimo periodo sono passata a commentarvi poco, ma potete capire i preparativi, talaltro la piccola sarà battezzata dalla mia mamma e quindi io e tutta la mia famiglia siamo stati appresso a lei... tra la candela decorata che porterà in chiesa (poi vi spiego di che si tratta se non lo sapete) e il discorso che dovrà fare la sera del battesimo.



Adesso vado, ma prima vi posto una ricettina lampo, lampo... si tratta di una delle mie solite colazioni salate di metà mattina ^.^ ... tanti, tanti, tanti bacini!!!




寿司 Sushi all'italiana due la vendetta: crêpes, philadelphia, ciliegino, menta e scorza di limone


La ricetta delle crêpes è qui

Per il resto mi sono limitata a spalmarvi su un po’ di Filadelfia, a lavare e tagliare in 4 parti il ciliegino e porli sopra, a sminuzzare un po’ di menta e a grattugiare sopra il tutto un po’ di scorza di limone. Infine ho arrotolato il tutto e l’ho tagliato a tronchetti alti circa 2cm.



Buona sfizioseria a tutti, a presto!!!
*** Gialla ***
Aggiornamento 2 giugno 2009
Con questa ricetta partecipo alla raccolta si Elel

martedì 13 maggio 2008

Un matrimonio ben riuscito: asparagi e fragole


Uhhhh che bello!!! Adesso anche io, dopo aver sbavato sulle vostre, posso postare una ricettina con le fragole che tanto amo... Si tratta di un piatto salato, un primo per l’esattezza, che vede l’abbinamento tra gli asparagi e questo meraviglioso frutto. Per me la scopetrta di questo accostamento è stata un caso. Mi trovavo in Romania per il tirocinio e mentre cucinavo un semplicissimo risotto agli asparagi (si lo ammetto si trattava di una busta knor che avevo messo in valigia come salvavita), dopo averlo assaggiato per la cottura mi venne voglia di mangiare una fragola... “caspita che buon sapore!” ho esclamato... e così quella sera ad un normale risotto ho aggiunto un ulteriore tocco di colore e freschezza.
Solo dopo qualche ricerchina sul web ho scoperto che si trattava di un esperimento trita e ritrita =_=... ma non m’importava, io ero ugualmente soddisfatta della mia “scoperta-ignorante”, ^_^ !!!
Comunque tanto per essere un po’ malinconici, fu proprio questa ricetta che mi fece conoscere il mondo dei foodblog, e perciò le sono grata e l’amo ancora di più, GRAZIE SIGRID!!!
Ne approfitto anche per dirvi una cosa che mi preme comunicare... sono felice di aver aperto questo blog, grazie allo scambio di vari commentino mi sento parte di un gruppo allegro e coinvolgente e spesso mi viene da pensare che è come se ci trovassimo tutte attorno al tavole della cucina come delle vecchie amipettegole a chiacchierare sorseggiando una bella tazza di tè (per chi non lo gradisce credo che non sarà difficile trovare un’alternativa).

Ma adesso andiamo alla ricettina.

Risotto asparagi e fragole

Ingredienti ( per 2 persone):

  • 3 tazzine di riso (circa 180 gr)
  • 250di asparagi
  • 8 fragole
  • brodo vegetale qb
  • 1 scalogno
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 noce di burro
  • 20 di Parmigiano Reggiano
  • prezzemolo qb
  • pepe qb
Lavate gli asparagi sotto acqua corrente, passate il pelaverdure per un giro e ½ nella parte esterna del gambo. Lessateli poi in acqua salata per 15 minuti e nel mentre scaldate il brodo. Quando saranno cotti, disponeteli su un tagliere o su un piatto e tagliateli a pezzettini, lasciando da parte le punte che verranno unitio quasi al termine della cottura. In pentola fate soffriggere a fiamma bassa lo scalogno tritato molto finemente nell’olio. Aggiungete gli asparagi e lasciate insaporire 2 minuti. Unite il riso e fartelo tostare un minuto. Dopodiché andate bagnando col brodo per completare la cottura. Continuate questa operazione man mano che viene assorbito il brodo, mescolando di tanto in tanto senza lasciare che il composto si asciughi troppo. 2 minuti prima della fine del tempo di cottura del riso unite le punte di asparagi. Mescolate continuamente e portare a fine cottura. Spegnete il fuoco e mantecate con burro, parmigiano, una manciata di prezzemolo e pepe; solo a questo punto potrete aggiungere le fragole lavate e tagliate a rondelle (non mescolate troppo o potrebbero sciogliersi). Infine lasciare riposare un minuto e servite.

Buona fragolasparagata a tutti!!!

*** Gialla ***
Aggiornamento del 2/11/2009: con questa ricetta partecipo alla raccolta di Ciccia Pasticcia

giovedì 8 maggio 2008

MeMe: 6 cose che mi piace fare!

Uhhh che bello... sono stata invitata a scrivere il mio secondo MeMe... direi ancora più personale del primo. Grazie Aiuolik (si è vero che ora mi sono laureata, ma in realtà il tempo manca sempre, uffi! =.=)

Comunque... andiamo al concreto, ecco le regole del MeMe:

  • Indicare il blog che vi ha nominato con annesso link
  • Descrivere le regole di svolgimento
  • Scrivere 6 cose che si preferisce fare
  • Nominare altri 6 blog tramite i quali dovrebbe proseguire il meme
  • Lasciare un commento su tutti e 6 i blog appena citati
E adesso... mi svelo un altro po’:

Ho un fidanzato da ormai più di 4 anni e mezzo che adoro e col quale sto crescendo, praticamente la mia vita dipende un po’ tanto da lui (forse in questo sbaglio) e proprio per questo molte delle cose che mi piace fare sono legate alla nostra relazione, o meglio sono legate a me e con lui diventano ancora più belle.

1) Mi piace il mare: d’inverno, arrivare di sera tardi, abbassare i finestrini e sentire le onde e la brezza da dentro la macchina arrotolati in un plaid; d’estate, quando nel tardo pomeriggio la spiaggia si svuota e rimani tu, la tua metà, il silenzio e la piena serenità.
2) Mi piacciono i momenti “coccolosi”, soprattutto quando dopo una lunga giornata mi ritrovo sul mio letto a farmi fare le carezzino dal mio Nannao (è il mio ragazzo).
3) Mi piace conoscere, sono super curiosa e così mi avvalgo di tutti i mezzi di comunicazione per farlo... sono anche chiacchierona... quindi mi piace anche farmi conoscere, ihihih4) Mi piace camminare per strada mentre ascolto la musica grazie al mio piccolo lettore mp3, è come se dessi ogni volta una colonna sonora a tutto ciò che faccio... insomma come in un film. Se dovesse incontrarmi in giro mentre sono avvolta dalla musica... beh... dalla mia faccia potrete capire cosa penso e cosa sto ascoltando, può capitare che mi vediate camminare ad un metro da terra, a quel punto vorrà dire che ho trovato la giusta colonna sonora!

5) Mi piace disegnare ( abiti in primo luogo, ma anche visi e ornamenti), ormai non ho più tanto tempo per farlo, ma se sono triste o nervosa è la prima cosa che faccio per scaricarmi.

6) Mi piace stare ferma immobile ad osservare i luccichii e le tante lucine dell’albero di Natale rappresentano quello più bello e rilassante.
Ce ne sarebbero di cose da aggiungere, ma non mancherà occasione. (era inutile mettere che mi piace cucinare... vero? ^.^)

P.s.: ho aggiunto qualche foto perchè adoro fare anche quelle, bloccano gli istanti della nostra vita. :-P


Ora mi tocca passare il testimone... mmm... vediamo un po’...

Laura, per me una new entry, e poi, dopo che ha dichiarato di voler venire alla prossima mia scampagnata, farle un invito virtuale è già un passo avanti ^.^
Lo, diciamo che siamo parenti, sì, insomma siamo due pennute ^.-
Sweetcook, che mi fa arrossire con i suoi commenti
Fairyskull, che è stata gentilissima dicendo che aspettava il mio ritorno
Alessia, che è sempre super dolce *.*
Sere, che ho iniziato a “conoscere" e proprio ora si trasferisce di spazio “internetgalattico”... e brava... adesso si è messa in proprio mollando blogspot ;-)

Buon fine settimana a tuttiiiiii!!!

***Gialla***




lunedì 5 maggio 2008

Biscotti cioccolattosi e cannellosi

Avevo parlato di un’altra ricettina sperimentata per le feste ed eccola qui... Il 25 aprile è stata l’ennesima occasione per una bella scampagnata con gli amici e così anche in questo caso ho voluto preparare un dolcino per il pomeriggio... memore del successo che avevano riscontrato i biscottini fondente e pistacchio (che però erano in scarsissima quantità) ho voluto riproporre dei biscotti cioccolattosi, questa volta però cambiando tipologia e prendendo in prestito la ricetta proposta dalla dolcissima Alessia (che però non prevedeva l’utilizzo dello zucchero, io li ho addolciti un minimo e ho anche aggiunto un pò più di cannella).
Devo dire che anche in questo caso ho avuto una gran bella soddisfazione nel vederli mangiare dagli amici sorridenti, soprattutto da Uda che li prendeva a 3 a 3... ihihih! ^.^
Biscotti cioccolato e cannella
Ingredienti:
  • 300 gr di farina
  • 100 gr zucchero
  • 50 gr di cacao amaro
  • 200 gr di burro
  • 2 tuorli
  • 1 cucchiaio di cannella
  • un pizzico di sale

In una terrina mescolate la farina con il cacao, la cannella, lo zucchero e il sale, aggiungete il burro a temperatura ambiente tagliato a pezzetti e i tuorli. Impastate velocemente, rovesciate il tutto su un piano e continuate ad impastare sempre stando attenti a non riscaldare troppo l’impasto.Formate una palla, avvolgetela con della pellicola e fatela riposare in frigorifero per almeno 30 minuti (io di solito inizio a lavorarla quando al tatto risulta abbastanza dura).Una volta levata dal frigorifero stendete l’impasto con il mattarello (di solito lo stendo tra due fogli di carta da forno) lo spessore sceglietelo in base al vostro gusto, io questa volta li ho fatti sottili, ma anche più spessi non saranno male, ora sbizzarritevi con le formine, per quanto mi riguarda stavolta ho messo da parte le mie amate stelline e ho ceduto ai “fiori”. Potrete servirli sia così al naturale che con tanto zucchero a velo, o in alternativa, come li ha proposti Alessia con della buona panna montata e le fragole.. nel mio caso non andava d’accordo con la scampagnata, a di sicuro appena potrò li tufferò in una nuvoletta bianca e zuccherosa.

Buona sgranocchiata a tutti!!!
***Gialla***