giovedì 27 marzo 2008

Cookies tanto cioccolattosi e pistacchiosi

E anche Pasqua e Pasquetta sono andate... devo ammettere che questo week-end è stato davvero bello ed appagante, ho avuto casa libera da ospiti (che per due settimane hanno dormito qui) e da genitori e sorella che hanno ben pensato di andare a passare la Pasqua al paese di mio nonno, Ispica.
Oh... finalmente un po’ di calma e un po’ di tempo da poter passare col mio superamore che mi ha sopportata notte e giorno^.^!!!

Eh si, ci voleva proprio! La giornata di domenica è iniziata alla grande con l’apertura delle Uova di Pasqua a letto, quasi fosse Natale con i regali sotto l’albero, in fondo il mio amorissimo mi ha trattata da vera bimba regalandomi tre uova di cui due assolutamnete coccolose della Kinder... Però piccolo intoppino, poi ho dovuto cambiare le lenzuola... il cioccolato era finito spatacchiato ovunque ^.^!

Dopo aver fatto colazione con dei meravigliosi raggi di sole che ci circondavano io e il mio fido aiutante ci siamo cimentati nella preparazione dei biscotti... però stavolta dovevo sperimentare una ricetta nuova... ero a pranzo a casa sua, si deve stupire sempre, no? E allora ho ricordato di aver annotato tempo fa la ricetta di alcuni biscottini al cioccolato fondente e pistacchi... e allora su, all’opeara!!!

(p.s. se non fossero venuti un granché mi ero messa in salvo preparando i già famosi Chocolate-Hazelnut Coockies) Devo essere onesta... assaggiandoli non mi avevano entusiasmata, ma ho avuto un’ulteriore conferma della loro bontà anche il giorno dopo quando alcuni di quelli che avevo lasciato per casa sono stati portati alla scampagnata con gli amici... sono spariti in un attimo! Che soddisfazioni che mi date ragazzi!!!






Ingredienti
  • 100 gr cioccolato fondente
  • 70 gr burro
  • 1 uovo
  • 100 gr zucchero
  • 100 gr farina
  • 1 cucchiaio di cacao amaro in polvere
  • 60 gr pistacchi freschi
  • 1/2 cucchiaino lievito
  • 1/2 cucchiaino bicarbonato
  • 1 presa di sale

Tostate i pistacchi per 5 minuti in forno a 200°C, riducete 40 gr di essi in una polvere grossolana e il resto lasciatelo intero.
Fate fondere il burro insieme al cioccolato fondente (io ho usato il microonde), una volta sciolto e amalgamato il tutto, mettete il composto in una terrina e aggiungete prima l'uovo e poi tutti gli altri ingredienti e una volta mescolato il tutto per bene mettete in frigo l'impasto per 15 min circa.
Dopodiché formate delle palline e disponeteli su di una teglia ricoperta di carta forno e fate cuocere in forno a 160°C per circa 15 min. (vi consiglio di controllare di tanto in tanto, per esperienza personale ribadisco che il tempo di cottura varia da forno a forno).
Una volta cotti lasciateli raffreddare su una griglia e poi.. godetevi lo spettacolo.

P.s. c'è chi nota troppo il sapore del sale, e per ovviare a ciò basterà diminuire la quantità; anche se si perderebbe quel contrasto caratteristico tipico dei cookies.

Spago col tonCon questa ricetta partecipo all'iniziativa di Cindystar.
Buona sgranocchiata a tutti!
*** Gialla ***

sabato 22 marzo 2008

寿司 Sushi all'italiana paperellosa


Che noia... a giudicare dalle previsioni dalla metà della giornata di domani arriverà nuovamente il brutto tempo anche qui a Palermo, giusto per Pasqua, uffi!
Allora facciamo così, io oggi approfitto dei raggi di sole che stanno entrando nella mia stanza per postarvi una ricettina veloce veloce che a giudicare dagli ingredienti sta tra l’inverno e la primavera, sicuramente il colpo d’occhio è primaverile, i colori (rosa, bianco e verde acceso) me la ricordano tanto e magari besciamella e speck sono più calorici e quindi più indicati per il freddo.
Anche questo piatto può essere servito e presentato principalmente in due modi e anche in questo caso in base ai raggi di sole che entrano nella vostra stanza nel momento in cui decidete di prepararla potrà essere più fresca o più calda.

Crêpes
Ingredienti:

  • 2 uova
  • un cucchiaio scarso di zucchero
  • 20 gr farina
  • 2/3 bicchiere di latte
  • sale qb
  • burro qb

Sbattete le uova e andate amalgamando tutti gli altri ingredienti. Per la loro cottura predisponete un padellino (non è necessario esclusivamente quello per crepes) di 15cm di diametro imburrate e versate un mestolino di composto, io consiglio vivamente di non farle troppo spesse, potrebbero risultare gommose, un po’ come quelle che ci propinano nei vari pub della città.

Besciamella
Ingredienti:

  • 50 gr burro
  • 50 gr farina
  • ½ l latte
  • sale qb
  • noce moscata qb

Mettere a fondere 50 grammi di burro in un tegamino della capacità di un litro circa. Fare sciogliere a fuoco lento, togliere dal fuoco, e aggiungere 50 grammi di farina setacciata. Mescolare con un cucchiaio di legno per stemperare tutti i grumi, rimettere sul fuoco e aggiungere quindi 500 gr di latte "a filo", facendolo cioè cadere in modo lentissimo nel tegame, e proseguire la cottura continuando a mescolare fino a raggiungere la consistenza desiderata.Togliere quindi dal fuoco e aggiungere sale e noce moscata.

Per preparare i piccoli sushi ci vuole un attimo stendete su un tagliere (o qualsiasi alto piano) la crespella, su 2/3 di questa stendete un po’ di besciamella e poi lo speck, sopra tutto ciò ponete 2 asparagi tagliati a metà e arrotolate il tutto, infine tagliate il tutto in tre parti uguali di 5cm l’una. E andate ponendo i rotolini su un piatto di portata se volete servirli freddi come dei piccoli antipastini, diciamo dei fingerfood, o altrimenti poneteli in una pirofila e ricopriteli di besciamella e parmigiano grattugiato e metteteli a gratinare in forno per qualche minuto.
Ragazzuoli e ragazzuole...
Vi saluto augurandovi
oltre al mio solito buon appetito
anche una buona Pasqua e una golosa Pasquetta ^.^

*** Gialla ***




martedì 18 marzo 2008

Già un mese insieme!!! E allora: Bianco Mangiare con gelatina al limone

Eccomi di nuovo qui... Il mio foodbloggetto ha compiuto il primo mese di vita e mi sta dando ogni giorno sempre più soddisfazioni, anche grazie a tutti i vostri commentini!!! Grazieeeeeee! Però non so se rende felici allo stesso modo i miei commensali (mamma, papà, sorella e fidanzato il più delle volte) credo che inizino a detestare il fatto che prima che possano azzannare il pasto io stia lì a fotografare quello che hanno nel piatto... ihihih!!!
Ad ogni modo, dovevo trovare la giusta ricettina per questo festeggiamento... qualcosa di GIALLO principalmente e anche qualcosa di piccolo come l’età di Gialla; anzi, ora che ci penso mi sa che non vi ho ancora detto chi è...
Gialla è una bimba di circa 4 anni, ha un ciuffetto di capelli gialli legati con un elastico blu che li lascia cadere a fontanella e quando cammina sculetta come una piccola paperella, in sostanza sono io a quell’età, ma è anche il mio alterego oggi, soprattutto quando il mio animo coccoloso prende il sopravvento e fa cedere il povero fidanzato/malcapitato ^.^!
Comunque... la ricettina l’ho trovata, stava proprio dietro l’angolo, si tratta del Bianco mangiare, una crema/budino al latte che la mia nonnina preparava spesso, io l’ho solo rivisitata un pochino e sono pronta a presentarvela in due versioni.

Qui ve lo propongo accompagnato con la gelatina di limone in due vesti, una liquida e una solida.
Intanto vi do le singole ricette e poi la loro fusione:

Biancomangiare

Ingredienti (x10 coppette):
  • ½ l latte
  • 100 gr zucchero
  • 50 gr amido
  • La scorza tritata di un cedro piccolo (solo la parte gialla!) mi raccomando, che non sia trattato chimicamente, il mio viene direttamente dal giardino della zia Patty!!!
In un pentolino mettere amido, zucchero e scorza e a filo aggiungere il latte; mettete sul fuoco a fiamma bassa, sempre rimestando portate a bollore. Continuate a rimestare per un paio di minuti ancora, sino a quando il movimento del cucchiaio lascerà la scia sulla superficie della crema e togliete dal fuoco. Infine versate la crema nelle coppette e lasciate raffreddare.

Gelatina al limone
Ingredienti(x10 coppette):
  • 250 gr succo di limone
  • 115 gr acqua
  • 135 gr zucchero
  • 10 gr colla di pesce in fogli
Sciogliere lo zucchero nell’acqua; nel frattempo ammorbidire i fogli di colla di pesce in un po’ di acqua tiepida. Aggiungere all’acqua e zucchero il succo di limone filtrato, portate il tutto ad ebollizione e lasciate sobollire per almeno 15 min. Aspettare che rassodi in barattolini se si vuole conservare per qualche tempo, altrimenti in forma o in coppette.

La prima versione vede il semplice Bianco mangiare con scorza di cedro accompagnato da una colata di gelatina al limone liquida; mentre nel secondo caso, la gelatina fa da cupola alla crema.

Il procedimento di “invasamento” è lo stesso...
Preparate prima la gelatina e mettetene circa 1cm in ogni stampino... lasciatela rassodare un’oretta, successivamente aggiungete la crema di latte e rimettete in frigo per un paio d’ore. Al momento di servirle, uscite le coppette dal frigorifero e immergete in un dito di acqua calda l’estremità contenente la gelatina, fate quest’operazione per 2/3 secondi se volete semplicemente che la gelatina si stacchi ancora solida col resto della crema, altrimenti lasciate in immersione sino a che questa non si sarà sciolata (in alternativa, se la cosa vi preoccupa potete semplicemente mettere nelle coppette solo il bianocmangiare e preparare a parte la gelatina senza farla solidificare in frigo, quel passaggio è comodo se avete preparato una cena e non vi va di mettervi a preparare la gelatina all’ultimo minuto).

Uff... forse sono riuscita a spiegare il procedimento... credetemi è più facile a farsi che a dirsi, davvero!!!
Beh che dire...
Grazie di questo primo mese in vostra compagnia!!!
Buon appetito GIALLO a tutti!
*** Gialla ***

domenica 16 marzo 2008

Gnocchetti gorgonzola, mascarpone e radicchio


Da piccola detestavo quella muffetta che caratterizzava il gorgonzola e mi infastidiva anche solo il suo odore e perciò lo tenevo a debita distanza da me... ma da qualche anno a questa parte ho imparato ad apprezzarlo parecchio (continuo però a mettere da parte i pezzi troppo grandi di muffa, un pò di impressione mi è rimasta). Anche in questo caso, come nel caso della pasta e ricotta, mi ero stancata di mangiare gli gnocchi col semplice gorgonzola sciolto e spatacchiato da solo e così... Gorgonzola, mascarpone e radicchio... ricettina veloce, veloce!!!


Ingredienti:
  • 50o gr gnocchetti di patete
  • 50 gr gorgonzola
  • 50 gr mascarpone
  • mezzo radicchio (ho utilizzato quello di chioggia)
  • 2 cucchiai di latte

Lavate e tagliate in pezzi piccoli il radicchio, mettete a sciogliere il gorgonzola ed il mascarpone insieme al latte in una padella, non appena risulterà una cremina uniforme aggiungete il radicchio e lasciate cuocere a fuoco lento per qualche secondo, giusto il tempo che la salsa prenda un pò del colore violaceo della verdura e spegnete. nello stesso momento in cui aggiungete il radicchio, mettete a cuocere in acqua bollente gli gnocchi che nello stesso momento in cui spegnerete il fuoco sotto la pentola staranno iniziando a salire a galla... una volta cotti andate aggiungendoli nella salsa direttamente dentro la padella, fateli saltare bene e serviteli.

Buon appetito

*** Gialla ***

giovedì 13 marzo 2008

MondoCibo, un aiutino per farmi conoscere

La voglia di far conoscere il mio foodblog il più possibile è grande, soprattutto per il fatto che desidero sempre più intrecciare i rapporti con i foodbloggers che da tanto tempo seguo e ammiro. Non si tratta di fare mera pubblicità, ma di farmi conoscere in modo da poter ricevere quanti più consigli e suggerimenti in modo da crescere al meglio con la mia "passione golosa".
*Gironzolando qua è là ho scoperto MondoCibo, la prima community sul cibo in Italia. Si occupa di raccogliere i migliori blog che parlano di cucina e propongono giornalmente i migliori articoli presenti sulla Blogosfera Italiana.
Spero di guadagnarmi e di ricevere presto una conferma alla mia iscrizione...
Intanto incrocio le dita!!!

A presto

*** Gialla ***

MeMe delle 5 foto!

Wow!!! Mi è stato passato il mio primo Meme... Grazieeeeee Sweetcook!!! La speranza è quella di conoscermi di più. Devo ammettere che non è stato molto facile riuscire a trovare 5 foto di oggetti (o presunti tali) che mi descrivessero, però forse ci sono riuscita...
Eccoli qui:
Iniziamo con un pourpourì di oggettini che hanno come soggetto base le stelle. Ho una grande passione per queste, sia dal punto di vista astronomico che come forma in se per se. Cosa vi trovo di così interessante e di così rappresentativo della mia persona? Beh, diciamo che la stella intanto è raffigurata con agli estremi delle punte, queste possono essere lette in due modi: 1) come se fossero gli aculei di un riccio che schivo si difende, oppure, 2) come raffiguranti le estremità di un individuo (testa, braccia e gambe) che sono posizionate in senso di apertura verso chi viene in contro... sì, so che si tratta di due prospettive contrastanti, ma in fondo chi non è un po’ ambiguo... e poi la stella è luminosa e raggiante dal suo interno (il cuore) verso l’esterno (il prossimo) e quindi tendenzialmente felice e allegra.
Ih oh. Questo è il mio lato malinconico e musone... questi due peluches mi sono stati regalati in contemporanea da due dei miei più grandi amori, Saponetta (Simona), la mia sorellina e da Nannao (Alessandro) il mio ragazzo, si vede che mi conoscono tutti e due bene per farmi gli stessi regali!Il... mammina mia quanto mi piace, mi coccola nelle giornate uggiose e mi rincuora facendomi rimpinzare di biscottini, la varietà e il poter sperimentare gusti sempre nuovi è assolutamente fondamentale e poi... è un ottimo alleato per i momenti di riunione con amiche/ci pettegoli!!!Le collane. Sono un’altra delle mie passioni, ho passato intere esteti a farle con le mie manine, ora a causa dello studio è una passione che lascio nel cassetto, ma se tra bancarelle e negozietti vari mi capita di trovarne qualcuna bella, non posso tirarmi indietro dal comprarla (pecunia permettendo!). Queste rappresentano una parte della mia vogli di manualità e creatività.
I Cd e i mie disegni. Non potrei fare a meno della musica, credo che sia una vera AMICA. In base al mio umore arriva sempre in supporto, testi e note mi rendono felice se sono triste, accompagnano la mia malinconia o amplificano la mia gioia e spesso è anche questa a darmi la giusta ispirazione per disegnare e per lasciare scorrere liberamente e magicamente la matita sul foglio bianco.
Questi sono 5 spaccati del mio essere, ognuno di questi aspetti lo vedo bene legato anche alla passione rappresentata dall’intero blog che state leggendo, ovvero la cucina, in base allo stato d’animo nascono i piati, in base alle varie formine (stelle o note musicali) prendono forma i biscotti e la manualità e la musica donano il tocco finale di creatività e personalità.

Ho aggiunto una sesta foto, questa racchiude un po’ il senso di questo MeMe... il soggetto centrale è uno specchio, e nei MeMe riflettiamo noi stessi, e tutto in torno ci sono i miei ricordi e parte dei simboli che mi caratterizzano... in più è riflesso anche il mio minuscolo spazio vitale, la mia stanza, ho 22 anni e vivo con i miei genitori ed è da sempre che questa stanza mi vede collezionare giorno dopo giorno pezzettini del mondo che vado scoprendo e conoscendo!


Passo il testimone di questo MeMe a:

lunedì 10 marzo 2008

Cookies cioccolatte-fondente e mandorle tostate

Ecco cosa succede ad incontrare un amico all’università:Dopo 4 ore di lezione all’università mi fiondo sui fornelli, tra circa ¾ d’ora arrivano Alessio e Gabriele, i miei comparucci di cresima e... di tè. È da settembre che proviamo ad organizzarci per un "Tea party" pomeridiano, ma niente da fare, prima troppo caldo, poi ho dovuto preparare la tesi per la tesi... (ma quando mi diranno la data definitiva? Comunque manca poco!!!) e poi i loro esami, insomma, dopo 6 mesi eravamo riusciti ad organizzarci per prendere questo tè tutti insieme... nella mia testa penso: “vai, è fatta!!! Ma porca miseria, non ho tutti i miei strani tè a disposizione, e allora, dove sono carente da una parte devo rimediare dall’altra... ho poco tempo davanti, ma è quanto basta per sfornare qualche buon coockie!!!”Semplici, veloci e pratici da preparare senza dover sporcare troppo tutta la cucina ^.^ ...Rispetto a quelli che ho postato qualche tempo fa questi hanno metà cioccolato fondente e metà cioccolato al latte e, invece delle nocciole, le mandorle tostate.
Ingredienti:
  • 110 gr di burro
  • 100 gr di zucchero di canna
  • 100 gr di zucchero
  • 1 uovo (2 se sono piccole)
  • mezza bustina di vanillina
  • 175 gr di farina
  • mezzo cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 70 gr di gocce di cioccolato fondente (va bene anche una tavoletta sminuzzata)
  • 80 gr gocce di cioccolato al latte
  • una manciata di mandorle tostate tritate

Accendere il forno a 190°C e imburrare qualche teglia. Ridurre a crema il burro con i due tipi di zucchero, aggiungere l'uovo e poi tutti gli altri ingredienti. Disporre l'impasto a cucchiaiate distanti tra loro in quanto avendo messo il bicarbonato tenderanno a diventare circa il doppio; infine, cuocere per 8-10 minuti (dato che il tempo varia in base al tipo di forno, io vi consiglio di stare attenti al colore e alla loro dimensione, se avete qualche dubbio potete anche uscirli dal forno per controllarli, non si rovinano), una volta cotti fare raffreddare su una gratella.
Il "Tea party" è andato davvero bene, i miei amichetti sono proprio delle”dame da compagnia” davvero speciali... ma chi ha detto che ai maschi non piace un po’ di sano pettegolezzo!?!
Vi voglio bene
P.s. Siete riusciti anche a non far studiare Saponetta...
Spago col tonCon questa ricetta partecipo all'iniziativa di Cindystar.
Buona ennesima sgranocchiata a tutti!!!
*** Gialla ***

sabato 8 marzo 2008

Fruit-Template: la fruttiera di nuova generazione

Ecco un'altra sfiziosa e stramba scoperta, gironzolando per la rete mi sono imbattuta in un'iniziativa della Nendo (studio giapponese multidisciplinare, guidato da Oki Sato; web) chiamata 1%; che vede la realizzazione di soli cento pezzi per ogni prodotto in modo da dare l’opportunità al cliente di possedere l' 1% del progetto.
La struttura/scultura che vedete nella foto è una fruttiera, beh probabilmente non sarà l'ideale per le famiglie numerose, ma per una coppietta tenera, tenera che ama condividere tutto, arrivando anche "alla frutta", è davvero un must, si unisce alla ricercatezza dell'elemento e del design anche un tocco in più di romanticismo... e mangiando la metà si arriva anche più leggeri al dolce...
P.s. è disponibile in due colori: bianco e nero, il materiale è acciaio e costa ¥12,600 (acquisto on-line qui).

Ciao a tutti e buona condivisione fruttosa!!!
*** Gialla ***

sabato 1 marzo 2008

filetto al miele e vino rosso

Molti storcono il naso sentendo parlare di carni che si "sposano" con miele o marmellate... ma vi assicuro che il contrasto ed il sapore finale è ottimo.
Tempo fa ho assaggiato la carne di cervo accompagnata con dell'ottima marmellata ai mirtilli... il palato mi è stato solleticato da un piacevole gusto quasi inaspettatamente; così ho deciso di mettere in atto questo gioco di gusti all'interno della "mia" cucina e ho sperimentato questo bel filetto con miele e vino rosso, è la seconda volta che la propongo in casa... e per fortuna i commensali sono sempre rimasti contenti! ^.^

Ingredienti:

  • 450gr filetto di vitello
  • 2 cucchiai di miele mille fiori
  • 2/3 bicchiere di vino rosso
  • semi di sesamo
  • sale q.b.


Fate scottare le fette, 2 minuti per lato, in una padella molto calda con un filo d'olio aggiunto in contemporanea alla carne, successivamente ponete il filetto su un piatto e ungetelo con il miele (potete aiutarvi con un pennello) e cospargete uno dei due lati delle fette con il sesamo.
Nella padella dove ha cotto la carne versate il vino e un cucchiaio di miele, lasciate evaporare l'alcool e lasciate stringere il sughetto a vostro piacimento, io l'ho lasciato piuttosto liquido in modo da permettere di fare una bella scarpetta col pane! ^.^ Ma anche lasciato stringere di più risulterà una riduzione ottima. Detto ciò aggiungete nuovamente in padella la carne e se la volete non troppo al sangue lasciatela cuocere per un altro paio di minuti (in questo caso assicuratevi che il sughetto non sia troppo ridotto). Salate il tutto e servite ben caldo.

Buon appetito

*** Gialla ***